Abiti da cerimonia: i colori da evitare

abiti da cerimonia

Il galateo impone una serie di regole su come comportarsi in occasione di un matrimonio (che non sia il vostro). La guida sulle buone maniere in fatto di cerimonie nuziali dedica ampio spazio all’abbigliamento e, in particolare, a quali colori sia preferibile evitare. Le regole sugli abiti da cerimonia Lecce, Milano o Palermo sono le stesse, consolidate dalla tradizione e sancite nero su bianco.

Bianco

Il Bianco, appunto. Si tratta del colore simbolo della sposa, che racchiude in sé l’essenza stessa della simbologia nuziale. il bianco è il colore dell’abito della sposa, della torta nuziale e, di solito, trova ampia ricorsività negli addobbi in chiesa e al ricevimento. Una cosa è certa: è il colore della sposa e, in pratica, è di sua proprietà per l’intera giornata. Assolutamente da evitare, specie se le famiglie dei festeggiati hanno particolarmente a cuore le tradizioni, in quel caso non è da escludere il pubblico linciaggio. Tassativamente vietato!

Nero

Il nero è un colore di indubbia eleganza, perfetto in occasioni solenni. Si dà il caso, però, che sia anche un colore che possiede una simbologia piuttosto nefasta e che assuma significati accomunabili a sventura malasorte, Insomma, una cromia da evitare se siete donne. Sconsigliato!

Viola

Con il viola vale lo stesso discorso fatto per il nero: un colore controverso e, in generale, non propriamente di buon augurio oltre che essere di impiccio nell’abbinarlo con i vari accessori. Vietato!

Rosso

Il rosso è un colore intenso, passionale, intrigante e capace di attirare l’attenzione. In pratica, tutte cose che in un matrimonio vanno assolutamente evitate. Non è per fare i moralisti, sia chiaro, ma solo perché bisogna dimostrare rispetto alla sposa, che non deve essere in alcun modo essere messa in ombra e deve restare la regina della giornata, dall’inizio alla sua conclusione. E poi, è anche complicato da abbinare. Ampiamente sconsigliato!