Auto storiche e assicurazione

assicurazione auto storiche

Spesso può capitare che le persone anziane si ritrovino ad avere ancora la loro automobile conservata nel garage di casa, magari non più utilizzata da anni, ma pur sempre ancora in grado di circolare e perfettamente funzionante. In questi casi, ci si può porre il problema se conviene o meno la disdetta assicurazione auto oppure continuare ad averne una. In quest’ultimo caso, considerando l’età ed il tipo di veicolo, esistono particolari agevolazioni?

Innanzitutto, considerando la possibilità di confusione, è doveroso fare la distinzione tra auto d’epoca e auto storica. Ambedue devono aver oltrepassato il ventesimo anno di età, stabilito non dalla immatricolazione ma direttamente dall’anno di costruzione del veicolo. Tuttavia, l’auto d’epoca non risulta più idonea alla circolazione e di conseguenza è stata cancellata dal P.R.A., quindi dal Pubblico Registro Automobilistico. Le uniche occasioni in cui potrà “muoversi” saranno una manifestazione pubblica, a seguito di permessi speciali, oppure raduni amatoriali.

Le auto storiche invece, pur avendo anch’esse un’anzianità superiore ai vent’anni, possono non venir cancellate dal P.R.A. e pertanto potranno circolare traquillamente per le strade. Tuttavia, per poterlo fare, devono essere dichiarate storiche o di interesse collezionistico appunto da enti preposti. Infatti devono possedere delle attestazioni della loro rilevanza storico-collezionistica oppure una certificazione rilasciata dall’ASI, cioè dall’Automotoclub Storico Italiano.

Nel caso di possesso di auto storiche, in effetti esistono agevolazioni in materia assicurativa, che permettono di pagare quote minori rispetto ad auto nuove o comunque più recenti. Un primo vantaggio fornito quindi è quello del premio assicurativo, più basso rispetto ad altre tipologie di vetture. Vi sarà poi una classe di merito fissa e non più collegata al sistema tradizionale del Bonus-Malus, con conseguente riduzione dei costi.

Oltre a queste, sono previste anche ulteriori agevolazioni. Ad esempio, la possibilità di guida libera del veicolo per più persone, quindi l’opportunità non solo per il proprietario ma anche, nel caso, eventualmente per i suoi familiari di poter condurre il mezzo. Il tutto senza alcuna spesa aggiuntiva da parte dell’assicurazione. Infine, per coloro che posseggono più di un’automobile storica, è possibile ottenere la cosiddetta “formula garage“, cioè l’opportunità di assicurare l’intero parco auto a tariffe agevolate e quindi ridotte.

E’ bene ricordare comunque che le varie compagnie assicurative tendono ad applicare tariffe molto variabili tra loro e che comunque queste si attestano generalmente tra i 100 ed i 150 Euro. A tali spese si devono poi aggiungere i costi dell’iscrizione all’ASI. Infine, altra cosa importante da tener presente, è che la possibilità di stipulazione di assicurazioni, per alcune tipologie di automobili, come quelle d’epoca ad esempio, è concessa a persone che abbiano un’età minima di almeno 23 anni.