Il ciondolo a forma di drago: cosa rappresenta

Il drago è una figura mitologica archetipica comune a molte culture e fortemente considerata soprattutto nella cultura cinese. Negli ultimi anni, il rettile delle leggende e delle epopee sta vivendo un revival e un nuovo appeal grazie anche al successo della serie televisiva Il Trono di Spade, una delle cui protagoniste, Daenerys Targaryen, si accompagna di tre draghi che ella stessa è riuscita a portare alla luce. 

La commistione tra immaginario antico, contenuti mainstream e moda è spesso immediata e, nella fattispecie, brand di settore come Trollbeads hanno sospinto la diffusione di ciondoli che raffigurano la suggestiva immagine di draghi alati. In pochi, però, conoscono la forte simbologia che interessa l’archetipo dell’animale sputa fuoco.

Il drago nell’antichità

Come detto, il drago è presente pressoché da sempre nell’immaginario dell’uomo, visto sia come figura negativa che come creatura benevola. Nella mitologia cristiana, la bibbia associa al drago l’essenza del Diavolo, come ricordato da San Giovanni apostolo nell’Apocalisse. In epoca greca e romana esisteva un’abbondante narrativa sul gargantuesco rettile, cui venivano riconosciute vista eccellente, agilità in volo, forza mirabolante. Molte narrazioni lo pongono a guardia di tesori preziosi, a rappresentazione delle ardue sfide cui siamo chiamati ad affrontare per raggiungere i nostri obiettivi.

Il drago in Cina

Ma è nella Cina Imperiale che l’immagine del drago assume una centralità sconosciuta in qualunque altro luogo. Il dragone, infatti, è, insieme alla fenice, simbolo della famiglia reale. Presso l’impero cinese, il drago assume l’aspetto di un animale benevolo, un essere che vive per secoli e che raggiunge le dimensioni massime solo dopo 500 anni. 

Punti di connessione
A prescindere dalle forti dissonanze tra le varie culture in cui è presente, in tutti i contesti sono riconosciuti al drago eccellenti capacità di volo, la facoltà di sputare fuoco dalla bocca ed enormi fauci. Il drago rappresenta in ogni caso forza e vigore ed è utilizzato per esaltare virtù quali il coraggio, la perseveranza e la determinazione. Si tratta di un archetipo antichissimo e che non è mai stato dimenticato nel corso della storia, presente in ogni epoca nella narrativa e nelle leggende.