Flame, troll, link baiting: nuove tecniche per acquisire link

seo

La link building è fuori moda, inefficace, dannosa persino. Ogni agenzia SEO Milano o Roma che sia ha imparato a prendere dimestichezza con nuove metodologie di approccio alle tecniche di acquisizione di link. Google insiste da oltre dieci anni sulla necessità di configurare un nuovo metodo di valutazione dei link esterni e alla loro assegnazione di valore. La link earning sta lentamente prendendo il posto della link building più obsoleta; interesse, qualità e naturalezza sono i pilastri di una strategia SEO ben congeniata e in grado di reggere l’urto di Penguin. La link building inizia a eclissarsi, inizia la nuova fase.

Link baiting: l’esca per utenti

La link baiting è una specifica declinazione della link earning che si basa sull’utilizzo di contenuti-esca per attirare l’attenzione del pubblico. L’uso del termine ‘esca’, però, non deve farci pensare a un raggiro: si tratta, piuttosto, di sfruttare specifiche peculiarità sociali che si replicano con maggiore intensità nel cyber-spazio. Vuol dire, tra le altre, saper individuare trend topic e di fornire un contributo in grado di lasciare il segno.

Una delle tecniche di link baiting più diffusa, infatti, è definita contrary e consiste nell’intervenire su uno specifico argomento di diffuso interesse assumendo una posizione contraria a quella del sentire comune. Tale tecnica offre l’indubbio vantaggio di emergere, di lasciare un segno tangibile, capace di alimentare dibattiti e, in ultima analisi, link assolutamente naturali. Perché la strategia si riveli utile, però, è necessario che la propria invettiva sia argomentata con efficacia e che sia davvero in grado di offrire un punto di vista altro rispetto a quello più comune. L’obiettivo non è certo quello di mettere tutti d’accordo, bensì di stimolare una concentrazione di interessi intorno alla propria realtà online, sia un sito, un blog, una pagina social.

Ancora più controversa è la tecnica dell’attack, in cui non ci si limita ad assumere una posizione in controtendenza ma si effettua un deliberato attacco, un flame, a qualcosa o qualcuno, incoraggiando le reazioni del pubblico. Tale tecnica, però, si rivela un vero e proprio campo minato, pieno di insidie e di minacce per l’immagine del brand. Si tratta di uno strumento da utilizzare con estrema cautela, e solo se si è in possesso della giusta esperienza per gestirlo.