Realizzare un biglietto da visita: guida pratica

biglietto da visita

Il biglietto da visita è una risorsa a disposizione di professionisti, freelance e aziende tra le più note e utilizzate. Anche oggi, nell’era del digitale, la business card non perde la sua efficacia e resta uno strumento importantissimo per gestire le relazioni con clienti e fornitori.

Realizzare un biglietto da visita: la guida

Il mercato della tipografia si è spostato in maniera significativa verso il settore della stampa online. Effettuare il servizio di stampa e spedizione permette infatti di abbattere i costi e, spesso, garantisce una possibilità di scelta ampia e variegata.

Prima, però, c’è da pensare al concept del bigliettino: oggi, per attirare l’attenzione e lasciare il segno è necessario un approccio creativo e in grado di rompere gli schemi. La business card deve configurarsi come il perfetto mix di funzionalità e design: le informazioni inserite devono essere accuratamente selezionate e impaginate in modo che appaiano come accattivanti e immediatamente accessibili.

Le informazioni necessarie

Nome, cognome, qualifica, telefono, e-mail e indirizzo dell’azienda sono le informazioni che non possono assolutamente mancare. Poi ci sono tutti quei dati accessori che non sono ritenuti fondamentali ma che rappresentano un plus per l’utilizzatore del bigliettino. Oggi, il riferimento ai social network è considerato sempre più un elemento chiave, utilissimo per gli utenti e ideale a trasmettere un’immagine di forza e di completezza.

Altre informazioni utili sono quelle riferite agli orari e ai giorni di reperimento, ove previsti, poiché permettono al potenziale cliente di ricevere riferimenti chiari e di canalizzare le chiamate in determinati momenti della giornata.

L’aspetto estetico

Il biglietto da visita è in un certo senso l’estensione dell’immagine del professionista. Utilizzare carta di qualità significa dunque trasmettere un’idea di forza mentre optare per carte economiche può rivelarsi un boomerang e favorire un’associazione di idee negativa.

La scelta del font assume un ruolo molto importante: il carattere adottato deve essere coerente con l’immagine del professionista e, allo stesso tempo, risultare facilmente leggibile e accattivante nel design.

Si consiglia di sfruttare entrambe le facciate del cartoncino, in modo da inserire più informazioni possibile e nel modo più chiaro e ordinato. Non vale davvero la pena cercare di risparmiare pochi euro!