IDEE VACANZE: RICERCA DI REALTÀ

Il turismo di massa impera, ciò che ieri era scoperta del diverso, del lontano, dell’altrove, oggi si riduce a raffigurazione sbiadita costruita ad arte. Anche i luoghi più esotici non si lasciano scoprire nella propria essenza ma palesano una facciata posticcia dietro la quale si cela le realtà del posto, con le sue particolarità e le sue esasperazioni, il suo reale folclore e le sue miserie mai mostrati per quel che sono. Tutto ciò che è vero, nel bene e nel male, non è accessibile, accontentarsi dello spettacolo allestito per voi turisti, grazie.

In risposta a tutto ciò, si fanno sempre più pressanti le voci di chi chiede che non sia così, di chi vuole un vissuto che sia realtà, dal recupero delle tradizioni passate alla scoperta di ciò che c’è davvero al di là di quello che viene mostrato. La domanda di turismo autentico ha saputo produrre una pronta risposa: così oggi acquista importanza sempre più significativa la vacanza rurale, in cui l’azienda agricola diventa agriturismo e apre le porte ai mestieri di una volta, ai suoi prodotti e alla sua essenza. Le coste mediterranee vengono esplorate in modo nuovo, attraverso una crociera in barca a vela in Grecia o in Croazia e mediante un’immersione piena in quello che è il clima del posto, con le sue suggestioni e i suoi racconti secolari, rifiutando la facciata di cartone proposta dai pacchetti – vacanze standardizzati. Campeggi tra i boschi o nelle pinete invitano al recupero di un legame profondo con la natura, o esperienze estreme dove di autentico c’è l’emozione adrenalinica, come un lancio col paracadute o col bungee jumping. Tutto, purché sia vero.